G7, i grandi dell'agricoltura a Bergamo

08
10

Sabato e domenica 14 e 15 ottobre 2017 i ministri delle principali nazioni agricole si riuniranno per parlare di sicurezza alimentare, gestione dei rischi e lotta ai cambiamenti climatici

È conto alla rovescia per il terzo G7 dell’Agricoltura, il secondo in Italia, dopo il primo evento in assoluto sul tema, voluto dall’allora ministro dell’Agricoltura Luca Zaia. Era il 2009 e teatro dell’evento fu Castelbrando, a Cison di Valmarino, in provincia di Treviso. In quell’occasione, in verità, furono otto i “grandi” che dibatterono sul futuro dell’agricoltura, perché la Russia non era ancora stata espulsa per la situazione ucraina.

Questa volta il G7 dell’Agricoltura si terrà sabato e domenica 14 e 15 ottobre, sotto l’egida del ministro delle Politiche agricole, Maurizio Martina, che l’ha voluto organizzare nella “sua” Bergamo. Oltre all’Italia parteciperanno Francia, Regno Unito, Giappone, Stati Uniti, Canada, Germania e i rappresentanti dell’Unione europea, Fao, Ocse, Ifad, World Food Programme.

I temi che saranno affrontati riguarderanno la sicurezza alimentare, la gestione dei rischi in agricoltura, la necessità di produrre di più con meno e, allo stesso tempo, sprecare meno cibo. E poi, fra i temi in agenda, di notevole importanza la lotta ai cambiamenti climatici, in molti casi responsabili di fenomeni migratori difficilmente controllabili.

Il 16 ottobre la Giornata mondiale dell’Alimentazione

Il giorno successivo al G7 a Roma il direttore generale della Fao sarà affiancato da Papa Francesco e dai ministri dell’Agricoltura del Gruppo dei Sette parleranno di sicurezza alimentare, sviluppo rurale e migrazione.





Fonte: Agronotizie

Il portale dedicato alle migliori aziende agricole italiane